3 brand channel che funzionano su Youtube (uno è italiano)

3 brand channel che funzionano su Youtube (uno è italiano)

Storie

Qual è l’idea che abbiamo di Youtube? Un grande contenitore dove è possibile trovare qualunque video o frammento di film ci possa interessare. Quasi sempre il risultato ci appaga, ed è questa la ragione per cui parliamo del secondo motore di ricerca al mondo con più di 1 miliardo di visitatori al mese. Ma Youtube non è soltanto “il posto dei video”, è anche un sito strutturato, che può contare su centinaia e centinaia di canali dedicati ad argomenti specifici o creati da aziende, canali a cui è possibile iscriversi per ricevere notifiche sui nuovi contenuti creati, e per avere un palinsesto personalizzato di contenuti da fruire. Ma attenzione, non si tratta di funzionalità per esperti, lo dimostra il gran numero di iscritti ai canali più disparati, non solo canali musicali, di gaming, di news, o di youtube stars (i più visitati in assoluto), ma anche canali creati da aziende o organizzazioni che quotidianamente producono contenuti interessanti per i propri utenti di riferimento. Questa modalità di fruizione, di rapporto costante e continuativo fra utenti e canali, è molto premiata da Youtube con riflessi nella ricerca dei video, e nella ricerca su Google, ed è quindi importantissimo non trascurarla. Purtroppo invece, ciò che accade troppo spesso è che le aziende preferiscano lasciarsi guidare da videomaker improvvisati o da registi molto bravi che però hanno scarsa dimestichezza con le dinamiche di rete, con il risultato di ritrovarsi ad avere un solo spot, e magari anche caricato in un canale non brandizzato o creato per l’occasione.

Continue reading

Cos’è e come nasce Lazio Stories

Cos’è e come nasce Lazio Stories

Storie

Ho scoperto il laboratorio di storytelling diffuso #LAZIOisME per caso, da un post su facebook di Roberta Milano che di questa idea è madrina e “stratega”: si trattava dell’invito a partecipare ad un incontro dove le persone coinvolte in questo gruppo di racconto polifonico del Lazio, all’interno del più ampio progetto Visit Lazio (voluto da Roberta e dalla grande passione e competenza del Direttore Generale del Turismo del Lazio, Gianni Bastianelli), avrebbero potuto confrontarsi su quanto già fatto, e proporre nuove idee. Ho deciso di andare, attratto dalla stima professionale che ho per Roberta, e dalla curiosità per un’iniziativa inconsueta per chi, romano come me, percepisce poco o per nulla la propria regione. Sono subito rimasto piacevolmente colpito dal clima di partecipazione e di voglia di fare, e anche dalla qualità dei contenuti espressi fino a quel momento: l’idea di raccontare la Regione Lazio da diversi punti di vista (geografici e umani) sfruttando i social media, con l’aiuto e la facilitazione di un catalizzatore/amplificatore istituzionale, funzionava, anche molto bene.

Continue reading

Lo streaming al freelancecamp 2014

Lo streaming al freelancecamp 2014

Storie

Sono ormai trascorsi diversi anni dai primi seminali barcamp in cui, con i primi progetti di dolmedia, studiavamo format live integrati con gli eventi, con tutti i limiti tecnologici di 6 o 7 anni fa, ma con la convinzione di poter interpretare e arricchire con il live la tipica immediatezza di un evento caotico e destrutturato come un barcamp. L’idea era (ed è ancora) quella di sviluppare progetti di coinvolgimento real time fortemente incentrati sul live streaming e sulla generazione di un flusso di contenuti ondemand in tempo reale, per aggiungere all’evento una ulteriore dimensione di racconto e valorizzazione.  Questi esperimenti mi furono infatti molto utili per diverse produzioni realizzate negli anni successivi (penso al format delle prime edizioni di Frontiers of Interaction, o le videochat con Veltroni durante la campagna elettorale 2008 del PD, o i progetti realizzati nelle varie edizioni del Festival del Giornalismo).

Per queste ragioni avevo voglia di tornare un po’ alle origini, ripartendo proprio da un barcamp, per sperimentare nuove formule di organizzazione della produzione (live, ondemand e social integrati).

Continue reading