Lo streaming al freelancecamp 2014

Lo streaming al freelancecamp 2014

Storie

Sono ormai trascorsi diversi anni dai primi seminali barcamp in cui, con i primi progetti di dolmedia, studiavamo format live integrati con gli eventi, con tutti i limiti tecnologici di 6 o 7 anni fa, ma con la convinzione di poter interpretare e arricchire con il live la tipica immediatezza di un evento caotico e destrutturato come un barcamp. L’idea era (ed è ancora) quella di sviluppare progetti di coinvolgimento real time fortemente incentrati sul live streaming e sulla generazione di un flusso di contenuti ondemand in tempo reale, per aggiungere all’evento una ulteriore dimensione di racconto e valorizzazione.  Questi esperimenti mi furono infatti molto utili per diverse produzioni realizzate negli anni successivi (penso al format delle prime edizioni di Frontiers of Interaction, o le videochat con Veltroni durante la campagna elettorale 2008 del PD, o i progetti realizzati nelle varie edizioni del Festival del Giornalismo).

Per queste ragioni avevo voglia di tornare un po’ alle origini, ripartendo proprio da un barcamp, per sperimentare nuove formule di organizzazione della produzione (live, ondemand e social integrati).

E quale migliore occasione del freelancecamp, organizzato da Alessandra Farabegoli, Gianluca Diegoli e Miriam Bertoli, persone molto in gamba e in grado di costruire un evento di qualità (impeccabile per contenuti e organizzazione, va detto subito) pur mantenendo un approccio familiare e non accademico? Ho quindi contattato Alessandra proponendogli l’idea, e nel giro di pochi giorni – grazie a lei e all’impagabile supporto di Giovanni Arata e dell’APT Emilia Romagna – abbiamo organizzato tutto senza neanche bisogno di un sopralluogo.

Cosa volevo sperimentare? Ecco i due elementi principali, che raccontano indirettamente anche ciò che abbiamo fatto:

La piattaforma Youtube Live

Per prima cosa mi interessava continuare a studiare e testare Youtube Live, una piattaforma che diventa sempre più stabile, compatibile (ora supporta quasi tutti i device) e integrata: Youtube è lo standard de facto dei video su web, ed è quindi naturale  che la sua versione live, ormai disponibile su quasi tutti gli account, stia facilmente diventando un punto di riferimento primario. Che funzionasse bene ce n’eravamo accorti ampiamente proprio durante il Festival del Giornalismo di quest’anno – 80 eventi in diretta per un totale di più di 100 ore di live streaming, diversi dei quali contemporanei, sono un test mica da poco (e anche una fatica mostruosa, diciamo pure). Al freelancecamp però mi interessava in particolare provare la funzionalità di marcatura degli highlight di uno streaming live  per pubblicare rapidamente le clip degli interventi segnando semplicemente un IN e OUT . Una veloce elaborazione lato server, e dopo pochi minuti dalla fine di ciascun intervento si aveva già la possibilità di rivederlo, di condividerlo e di discuterlo online. La chiave per la buona riuscita di questa tecnica è l’organizzazione del lavoro in team: suddividendo i compiti si riesce a curare la parte di pubblicazione immediata senza grossi problemi, persino da remoto.

I riflessi social di questo approccio sono evidenti: il poter postare frammenti e highlight significativi di un evento in corso è un’ottima metodologia per fare catch-up e coinvolgere gli utenti interessati, scatenando discussioni in real time che possono contribuire a costruire senso in un evento che in questo modo esce dai suoi confini geografici.

Contenimento dei costi: fare uno streaming low cost senza rinunciare alla qualità

Ci sono molti elementi che contribuiscono alla qualità di un evento in streaming, e non è affatto detto che per ottenere qualità si debbano necessariamente spendere decine di migliaia di euro. Per questa ragione ho progettato per il freelancecamp un setup estremamente semplificato e a basso costo, basato su:

  • Una sola telecamera per riprendere lo speaker di turno
  • Wirecast per Youtube per trasmettere lo streaming (free nella sua versione base)
  • Desktop Presenter di Telestream (utility free) per connettere via ethernet il desktop del computer dedicato alle presentazioni
  • La consolle web di Youtube per i tagli, l’arricchimento di contenuti e metadati e la pubblicazione degli interventi
  • Una connessione con almeno 2Mb di banda in upload (meglio se 4, scialare!!)

Il sistema, pur così semplificato, ha funzionato piuttosto bene, e mi pare sia risultato perfettamente adeguato per una tipologia di evento come quella del freelancecamp. Chiaramente la lista della spesa non è mai sufficiente, e mi vengono in mente almeno 4 cose che sono state indispensabili:

  • Un operatore bravo e una buona camera. Nonostante l’alternanza con le slide, avere una sola camera vuol dire dover seguire tutto l’evento da soli, esser costretti a zoomare o stringere live e senza tagli di regia. Eleonora è stata davvero molto brava e paziente! (grazie ancora all’APT per questo aiuto indispensabile)
  • Un internet provider disponibile in caso di problemi e necessità. In questo caso ho trovato un interlocutore veramente efficiente e disponibile (Spadhausen)
  • Un Luca Sartoni che rispolvera la sua certificazione Cisco e ti prepara un cavo ethernet da 25 metri per connettere alla regia il portatile dedicato alle slide. Se non hai disponibile un Luca Sartoni, pensa prima ad un cavo lungo 🙂
  • Un buon segnale audio di linea portato in camera e da lì all’encoder. Questo è il punto su cui cadono in molti (parliamo di DIY ovviamente), che si limitano a usare l’audio ambiente con risultati nefasti.

A proposito di backup, chiudo con una nota di colore: dopo ore di streaming stabile, Youtube ha cominciato a far capricci nella serata di sabato, guarda caso proprio poco prima dell’intervento di Andrea de Carolis e del suo racconto di viaggio in Nord Corea!

8d9c277a8360558149151bc43bbfdec35dcf411ca2929669651a204ae644f47b

Noi abbiamo risolto facilmente pubblicando al volo la versione registrata, ma il dubbio rimane 🙂

Tutti i video del freelancecamp sono qui

(la foto dell’articolo è di Luca Sartoni, quella di Kim jong-un alle prese con Windows non lo so ma mi piacerebbe saperlo!)

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Facebook0Share on Google+0
Storie

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *